Fondo Energia della Regione Emilia Romagna: un'opportunità per fare efficienza energetica

Il Fondo Energia istituito questo mese, giugno 2018, dalla Regione Emilia Romagna, che a differenza di quello di cui vi abbiamo parlato in precedenza, finanzia esclusivamente gli interventi di efficientamento energetico e di autoproduzione di energia da fonti rinnovabili. Anche questo, come il bando precedente rientra nell'ambito dell'asse 4 del POR-FESR 2014-2020, per cui si tratta di fondi europei.

CHE COSA E' IL FONDO ENERGIA?

Stiamo parlando di un fondo rotativo di finanza agevolata a compartecipazione privata. Creato dalla Regione con le risorse POR-FESR e gestito da Unifidi Emilia Romagna. Il fondo eroga investimenti a tasso agevolato a sostegno della Green Economy.

CHI SONO I BENEFICIARI?

Le imprese che hanno sede legale o sede operativa, in cui verrà realizzato l'intervento, all'interno del territorio regionale e che appartengono a determinate categorie, individuate dai codici Ateco elencati nel testo del bando.

ENTITA' DEL FINANZIAMENTO

Il fondo concede un finanziamento suddiviso in due parti:

  • il 70% dell'importo erogato è concesso con tasso zero,
  • il restante 30% è concesso con tasso convenzionato non superiore all'EURIBOR  6 mesi +4,75%.

La durata del finanziamento va da 36 a 96 mesi ed è previsto un massimo di 12 mesi di pre ammortamento. Può essere concesso anche un contributo a fondo perduto, pari al massimo al 12,5% della quota pubblica di finanziamento ammesso, per le spese e spese tecniche sostenute per la diagnosi energetica, e/o lo studio di fattibilità, e/o la preparazione del progetto di investimento. Queste spese però non possono rientrare in quelle previste per il finanziamento agevolato. E' finanziabile il 100% del progetto presentato. In ogni caso il finanziamento richiesto dovrà avere un importo compreso tra i 25.000 e i 500.000 €.

QUALI SONO GLI INTERVENTI AMMESSI

Sono finanziati interventi che consentano di migliorare l'efficienza energetica dell'azienda e interventi che consentano l'autoproduzione di energia da fonti rinnovabili. Rientrano nelle spese ammissibili per la richiesta del finanziamento le seguenti:

  • spese per interventi su immobili strumentali: ampliamento e/o ristrutturazione, opere edili funzionali al progetto;
  • acquisto ed installazione, adeguamento di macchinari, impianti, attrezzature, hardware;
  • acquisizione di software e licenze;
  • consulenze tecnico/specialistiche funzionali al progetto di investimento;
  • spese per la redazione di diagnosi energetica e/o progettazione utili ai fini della preparazione dell’intervento in domanda.

COME PRESENTARE LA DOMANDA

E' già possibile presentare le domande di adesione: la call è stata aperta in data 4 giugno 2018 e verrà chiusa il 2 agosto 2018, salvo esaurimento fondi. Per accedere occorre compilare il modulo online presente nel sito dedicato, assieme alla documentazione richiesta. Un'apposita commissione valuterà ad intervalli regolari le domande pervenute e delibererà l'ammissibilità o meno delle stesse. In caso di delibera positiva, il finanziamento sarà erogato successivamente alla rendicontazione del 50% delle spese ammissibili, da parte dell'azienda, che deve avvenire non oltre i 4 mesi successivi alla data della delibera. Tutti i progetti devono essere conclusi e rendicontati entro i 12 mesi successivi alla delibera di concessione.

Cosa può fare la Mardegan Fabio per te

Noi ci occupiamo di tutta la pratica, senza costi eccetto una percentuale sul risparmio che il bando ti porterà.

Nome *
Nome