Articolo 1 di 3: Risparmiare il 53% di metano, ecco come

In questo articolo, il primo di 3, ti spegnerò come un nostro cliente che si occupa di lavorazione carni, compresa la macellazione, sta risparmiando il 53% di metano. Beh, l'intervento che ti vado a descrivere è solo l'ultimo di una serie e questo da solo comporta il risparmio del 53%. 

Situazione iniziale: generatori di vapore

In azienda erano installati 2 generatori di vapore a serpentino, installati al tempo per la questione dell'esonero dal patentato. Siccome non era mai stata fatta la messa in servizio e tutta la pratica, nel momento che questa è stata inoltrata essendo il 2017 è sorto anche il problema del patentato conduttore di generatori di vapore. Quindi le soluzioni vagliate con il cliente sono state:

  • Assumere un patentato
  • Addestrare i manutentori esistenti (troppo tempo)
  • Pagare un conduttore esterno (costoso)
  • Sostituire i generatori di vapore esistenti con quelli esonerati (in bassa pressione)
  • Sostituire i generatori di vapore con delle caldaie a condensazione e aggiornare l'impianto

La scelta delle caldaie a condensazione per produrre acqua calda fino a 90°C

La scelta lungimirante è andata sulle caldaie a condensazione.

Ma Fausto le caldaie non fanno vapore! 

Vero, infatti il cliente usava il vapore per produrre acqua calda:

  • 1 macchina a 90°C
  • Il sistema di sterilizzazione a 85°C
  • 1 macchina a 75°C
  • 1 macchina a 70°C
  • Sistema di lavaggio a 50°C
  • Riscaldamento a 70°C

Quindi con i giusti accorgimenti la caldaia ad alto contenuto d'acqua può produrre acqua calda a 90°C, basta che lo scambiatore di calore sia dimensionato (e funzionante) per produrre questa temperatura con acqua lato caldaia a massimo 94°C perché al di sopra scatta il termostato di sicurezza a riarmo manuale per normativa.

Come passare da vapore a caldaia a condensazione INOXIA UNICAL

Quindi abbiamo aggiornato gli scambiatori della TecnoSystem funzionanti a vapore sostituendo e aggiungendo le piastre secondo le loro specifiche, con i nostri dati in modo da produrre acqua sufficientemente calda, in particolare sullo scambiatore per l'acqua a 90°C. Per il riscaldamento abbiamo inserito una valvola a 3 vie modulante per mantenere la temperatura di mandata costante. Le caldaie fanno circolare l'acqua attraverso 2 pompe in linea (una in riserva all'altra) munite di inverter per modulare la portata in funzione all'apertura delle valvole di regolazione degli scambiatori e del riscaldamento.

Per sfruttare la condensazione, ed il doppio ingresso delle caldaie INOXIA UNICAL, abbiamo inserito delle valvole a 3 vie sul ritorno dagli scambiatori e dal riscaldamento in modo che se tale fluido è sufficientemente freddo girarlo direttamente sull'ingresso dedicato alla condensazione della caldaia.

Il tutto è gestito da PLC Mitsubishi e reso interattivo mediante pannello operatore Exor, i programmi di gestione, logica di funzionamento e sistema Industry 4.0 quindi telegestione sono fatti direttamente dal sottoscritto e continuamente monitorati perché il tutto renda sempre il massimo in funzione anche agli interventi che vedremo nei prossimi articoli.